La pulce nell’orecchio: Lutero alle origini dell’Europa?

Giovanni Andrisani • Che un’analisi non approfondita della figura di Martin Lutero (1483-1546), monaco agostiniano all’origine della riforma protestante, lo presenti come un anarchico ribelle, un “indipendentista” Ercole tedesco in lotta contro lo strapotere ideologico della Chiesa romana, è certamente facilitato dalla coincidenza nell’anno di grazia 2017 degli anniversari dell’affissione delle 95 Tesi alla cattedrale di Wittenberg (31 ottobre 1517) e della rivoluzione russa cosiddetta “d’Ottobre” (6-7 novembre 1917). Il potenziale simbolico delle ricorrenze fondative delle coscienze nazionali tedesca e russa favorisce la convinzione che la riforma protestante sia l’evento fondamentale del XVI secolo, con il suo paladino nelle vesti di rivoluzionario ante litteram, quasi il Lenin teutonico della grande frattura ideologica alle origini dell’Europa moderna.

Machiavelli e Gramsci

Gio Maria Tessarolo • In the context of the Italian and European intellectual debate of the years following the First World War, Gramsci’s interpretation of Machiavelli’s works and thought holds relevant significance because of both its originality and sophistication. In order to assess the role this reflection plays in the elaboration of a marxist «philosophy of praxis», this work has the twofold aim of describing how the Florentine Secretary is presented throughout Gramsci’s writings and of considering some ways in which Machiavelli and his Prince helped Gramsci build his own political thought.

Vedere il mondo in una ceramica: la world history

Nicola Carotenuto • La Chiesa di San Sisto, a Pisa, si erge silenziosa poco lontano dall’Università; passandovi davanti quasi tutte le mattine si presta scarsa attenzione, solitamente, ad un curioso particolare: gli archetti della facciata sono scanditi da strani oggetti, si tratta di copie delle ceramiche arabe medievali che decoravano l’edificio, importate probabilmente dalla Tunisia e giunte qui, a migliaia di chilometri di distanza, grazie agli scontri e agli incontri con il mondo arabo, che arricchirono Pisa e la resero una città globale.

Pagina 4 di 41234